SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI OLTRE € 75

translation missing: it.general.language.dropdown_label

0 Carrello
Aggiunto al Carrello
    Hai prodotti nel carrello
    Hai 1 prodotto nel carrello
      Totale

      Nutrirsi di germogli di porro è un’abitudine che risale a tempi antichissimi. I primi a testimoniarne l’uso furono i cinesi più di 7000 anni fa, che nei loro testi di medicina li citavano come valido aiuto nei casi di ipovitaminosi, di infiammazioni e di debolezza generale.
      In seguito i germogli di porro vennero utilizzati per il loro apporto proteico e vitaminico nei periodi più freddi, soprattutto dalla popolazione degli Hunza, che vive nel nord dell’India: tuttora è una delle popolazioni più longeve e resistenti alle condizioni climatiche avverse, ma esistono testimonianze che anche nell’antico Egitto se ne facesse largo uso, soprattutto nei periodi i inondazione del Nilo.
      I germogli di porro venivano utilizzati anche dai legionari Romani, che ne tenevano i semi in sacchetti di tela a contatto con il corpo: con il calore e l’umidità i semi germogliavano e venivano utilizzati come cibo altamente energetico e sempre disponibile anche durante le lunghe marce.

      Germogli di porro: ecco i benefici per la tua salute

      I germogli di porro hanno numerose proprietà benefiche per la salute:

      • sono ricchi di sali minerali;

      • hanno proprietà diuretiche;

      • vivificano il sangue, combattendo validamente le anemie;

      • hanno grandi proprietà digestive e lassative, e sono un valido aiuto nella lotta contro l’obesità;

      • sono eccellenti in caso di reumatismi e artrite, ed in genere sono tonici contro i problemi dell’apparato muscolo-scheletrico;

      • aiutano a prevenire l’arteriosclerosi;

      • rinforzano il sistema immunitario.

      Gli elementi nutrizionali

      I germogli di porro doreamon, che appartengono alla stessa famiglia dell’aglio e della cipolla, hanno un basso contenuto di grassi saturi e monoinsaturi, mentre si avvalgono dei benefici dei grassi polinsaturi, e sono del tutto privi di colesterolo.

      Per quanto riguarda l'apporto vitaminico, sono ricchi di:

      • vitamina A;

      • Tiamina - vitamina B1;

      • Riboflavina- vitamina B2;

      • Niacina - vitamina B3;

      • Acido pantoteico - vitamina B5;

      • vitamina B6;

      • Acido folico - vitamina B9;

      • vitamina C;

      • vitamina E.

      In merito all'apporto di:

      • minerali

      • calcio

      • ferro

      • magnesio

      • fosforo

      • manganese

      • rame

      • selenio

      • potassio

      • zinco.

      Sono ricchi di aminoacidi e, se conservati alla luce sviluppano una altissima percentuale di clorofilla; per di più il loro apporto proteico è del 20%, mentre quello calorico è di 61 kcal per 100 grammi.
      I germogli di porro sono considerati un vero e proprio ausilio nutrizionale di alto profilo per la notevole concentrazione di sostanze benefiche.

      Germogli di porro: come usarli in cucina

      Poiché i germogli di porro doreamon sono molto aromatici ed hanno un sapore simile a quello dell’ortaggio, possono essere usati in cucina in molti modi differenti:

      • sicuramente a crudo in insalata, con la loro fragranza dolce, insaporiranno qualsiasi mix di ortaggi e verdure in foglia. Saranno squisiti combinati con germogli di soia o di alfa-alfa, con legumi bolliti o come ripieni per i pomodori a crudo;

      • un altro ottimo modo per utilizzare i germogli di porro è frullarli con dell’olio e.v.o. ed ottenere una salsa con cui condire carne o pesce;

      • sempre frullati, i germogli di porro diventano un saporito fondo di cottura per sughi con cui condire la pasta o per mantecare i risotti;

      • preziosi nella cucina vegetariana, i germogli di porro possono essere utilizzati per eccellenti frittate;

      • leggermente sbollentati o ripassati in padella, possono diventare una utile base per saporite zuppe oppure vellutate con cereali, legumi o patate.

      Insomma, che siano il sapore dominante o che siano un elemento di accompagnamento, i germogli di porro sono un aiuto in cucina, perché rispetto all’ortaggio sono molto più digeribili e più ricchi di elementi nutritivi ed enzimi metabolici.

      Scopri come fare la frittata ai germogli di porro

      Come coltivare i germogli di porro in 4 passaggi

      I germogli di porro doreamon appartengono alla famiglia delle Amaryllidacee ed il loro nome tecnico è Allium Ampeloprasum.

      Coltivarli è semplice, basta attenersi a pochi suggerimenti:

      • metterli in abbondante acqua per almeno 8-12 ore, per far iniziare il processo di germinazione;

      • sciacquare bene i semi almeno 2-3 volte al giorno, ricordando di drenare bene l’acqua per evitare la formazione di muffe;

      • continuare il processo di risciacquo per almeno 10-12 giorni, ma il suggerimento più importante è assaggiarli ogni giorno durante i risciacqui per capire quando il sapore è adatto al gusto individuale;

      • lasciarli alla luce durante la germinazione favorirà l’aumento della clorofilla, e questo starà a significare una maggiore digeribilità, una migliore e più veloce metabolizzazione e la prevenzione di fenomeni di alitosi.

      Il suggerimento più prezioso è comunque quello di avere pazienza nella fase iniziale, perché la germinazione iniziale può essere lenta, difficilmente prima che sia passata una settimana, perciò bisogna avere la costanza di sciacquare e drenare più volte al giorno per accelerare il processo: però una volta iniziati a germinare i vostri germogli di porro vi forniranno un prezioso apporto in termini di gusto e di salute.

      Un ultimo spunto di riflessione: avere in casa i germogli di porro doreamon significa avere una scorta vitaminica e proteica sempre fresca anche senza andare a fare la spesa, quindi ideale per chi lavora fuori casa.

      Potrebbero interessarti anche queste varietà