SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI OLTRE € 75

translation missing: it.general.language.dropdown_label

0 Carrello
Aggiunto al Carrello
    Hai prodotti nel carrello
    Hai 1 prodotto nel carrello
      Totale

      I germogli di rucola coltivata costituiscono un'importante fonte di acido ascorbico e di quello folico in quanto inesauribile. Essi ricoprono un rilevante ruolo per il sostentamento delle ossa, oltre a contribuire al corretto funzionamento dell'intero apparato digerente. Si prestano ad essere impiantati in qualsiasi tipo di terreno, da quelli fertili a quelli sabbiosi e possono dare vita a ben due tipologie di rucola:

      • la Diplotaxis tenuifolia, ovvero la specie selvatica;

      • l'Eruca sativa, cioè il tipo utilizzato sia in ambito culinario sia in quello erboristico-medico.

      La differenza, precisamente, sta nella forma delle foglie. Le origini di questi germogli, nello specifico, risultano essere molto antiche. Esistenti già nell'epoca dei Romani, ancora oggi i germogli di rucola vengono coltivati in tutta Europa. Il sapore della pianta che nasce dagli stessi dipende strettamente anche dal periodo in cui ci si trova: infatti, più il terreno è arido più il gusto si rivela deciso ed intenso. I germogli di rucola coltivata, in più, possono dare vita anche a dei fiori contraddistinti da quattro petali dal colore bianco o violaceo nel periodo intercorrente da febbraio a giugno. Inoltre, è possibile rinvenire un numero imprecisato di semi nei frutti. In ogni caso, la semina avviene in primavera per proseguire nei mesi più freddi.

      Germogli di rucola coltivata: benefici

      Le vitamine e i minerali contenuti nei germogli di rucola coltivata svolgono un'azione fondamentale per la salute dell'apparato scheletrico. In più, come già accennato, essi forniscono un valido contributo per il buon funzionamento anche dell'apparato digerente ed, in particolar modo, dello stomaco. Nello specifico, è interessante evidenziare come la vitamina C sia in possesso di notevoli qualità antiossidanti e come la vitamina K vada ad apportare un grande aiuto ai bambini al fine di assicurargli una crescita equilibrata e sana. Così come accade per altre crucifere, la rucola è una fonte ricca di sostanze antitumorali in grado di contrastare i carcinomi mammari e le leucemie. Infine, si rivela utile anche in caso di diabete. Dunque, si può affermare che le proprietà benefiche riguardano per lo più:

        • l'intestino, in considerazione dell'effetto diuretico, drenante e lassativo;

        • la digestione, in quanto viene scongiurata l'insorgenza di gastrite e stati ulcerosi;

        • le ossa, poiché la vitamina K va a mineralizzarle rendendole più robuste contrastando, allo stesso tempo, l'osteoporosi;

        • il fegato, dal momento che la produzione di enzimi porta tale organo ad eliminare le tossine più facilmente;

        • la comparsa di infiammazioni, data la funzione antivirale ed antibatterica che va a rinforzare il sistema immunitario prevenendo malattie degenerative. I componenti antiossidanti, in più, evitano lo sviluppo di patologie tumorali;

        • il diabete, aiutando a tenere sotto controllo la glicemia.

      Gli elementi nutrizionali dei germogli di rucola coltivata

      I germogli di rucola coltivata si contraddistinguono per un ottimo sapore che li rende adatti ad essere affiancati a molteplici alimenti. Innanzitutto, occorre specificare come questi germoglino in maniera naturale quando vengono a trovarsi in un ambiente umido e a contatto con l'acqua contenendo al loro interno delle sostanze nutritive molto importanti. In particolare, queste ultime aumentano nel corso del processo di germogliazione stessa producendo enzimi utili per metabolismo e digestione. Pertanto, consumarli regolarmente anche crudi apporterà notevoli benefici all'organismo. Ebbene, tra i principali elementi nutrizionali è possibile menzionare: acido folico, acido ascorbico, vitamina K, betacarotene, potassio, magnesio, ferro, calcio, sulforafano, ovvero un isocianato tipico delle crucifere.

      Germogli di rucola coltivata in cucina

      Proprio come le foglie della relativa pianta, i germogli di rucola coltivata presentano un aroma piccante e pungente. Grazie al sapore che li caratterizza, dunque, essi possono essere utilizzati come contorno oppure nelle insalate miste. Tuttavia, è possibile consumarli anche scottati al vapore o all'interno di ravioli o torte salate. Infine, i germogli di rucola coltivata si rivelano ottimi anche se collocati in crepes salate, riso freddo e piadine.

      Suggerimenti per la germogliazione

      I germogli di rucola coltivata si caratterizzano per le dimensioni molto ridotte. Contraddistinti da un colore marrone scuro, essi producono delle mucillagini gelatinose una volta immersi in acqua. Dopo circa 5 giorni, inizieranno poi a produrre le prime foglie verde scuro: si tratta del momento della raccolta. Si consiglia di farli crescere in un ambiente luminoso per aumentare la produzione di clorofilla e, dunque, di fibra.

      Potrebbero interessarti anche queste varietà