SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI OLTRE € 75

translation missing: it.general.language.dropdown_label

0 Carrello
Aggiunto al Carrello
    Hai prodotti nel carrello
    Hai 1 prodotto nel carrello
      Totale

      Tutti conosciamo quello splendido fiore alto e giallo che è il Girasole (Helianthus Annuus), che ci ricorda l’estate. Ad esso spesso associamo l’olio di girasole, molto utilizzato nella cucina italiana ed internazionale, ed ultimamente sempre più spesso ne troviamo i suoi semi all'interno della preparazione di ricette.
      Un po' meno comune è, invece, l’uso dei germogli di girasole, che sono non solo salutari e nutrienti, ma anche buoni da mangiare, dal gusto saporito e particolare.
      I germogli di girasole possono essere ricavati dai semi anche senza l’utilizzo del germogliatore, in una facile coltivazione fai da te. Sarà sufficiente reperire dei semi di girasole, metterli a bagno in acqua fredda all'interno di un contenitore piuttosto largo o di una scodella, in modo che galleggino e lasciarli riposare. Dopo circa 8 ore i semi dovrebbero iniziare a germogliare. Si dovrà poi attendere almeno due o tre giorni per vedere il processo di germogliatura completato, procedendo ogni tanto con una piccola sciacquatura dei semi.

      I benefici dei germogli di girasole

      I germogli di girasole, se inseriti nella nostra alimentazione quotidiana, contribuiscono al benessere del nostro corpo e alla regolarità del nostro metabolismo. Numerosi sono i loro benefici e le loro proprietà terapeutiche e nutritive:

      • sono ricchi di acido folico, quello viene prescritto come integratore solitamente in gravidanza per supportare il corretto sviluppo del feto;

      • il selenio in essi contenuto ha un importante ruolo nella produzione degli ormoni tiroidei e serve anche per riparare le eventuali cellule del nostro DNA danneggiate;

      • contengono le vitamine del gruppo B e del gruppo C, pertanto non solo sono un toccasana per la pelle e per i tessuti ma riescono, grazie alla loro proprietà antiossidante, anche a contrastare l’invecchiamento delle cellule e lo sviluppo dei radicali liberi;

      • con le loro vitamine del gruppo E e grazie all'apporto del magnesio, alleviano i dolori e il senso di stanchezza, fanno diminuire stress e depressione, tutelano la salute respiratoria, facilitano il lavoro dell’intestino e migliorano lo stato di denti e ossa;

      • danno apporto di acido linoleico, che contrasta il colesterolo "cattivo" e protegge il cuore;

      • non contengono glutine pertanto sono adatti anche ai celiaci.

      Elementi nutrizionali

      100 grammi di germogli di girasole contengono:

      • Calorie: 37 kcal

      • Carboidrati: 2,10 g di cui zuccheri 0,44 g

      • Grassi: 2,10 g di cui saturi 0,10 g

      • Proteine: 250 g

      • Sale da Sodio: 0,07 g

      I germogli di girasole in cucina

      I germogli di girasole sono fra tutti quelli più gustosi. Inaspettatamente da quanto si possa pensare, sono molto dolci ed hanno un sapore simile a quello delle noci. La sensazione che si prova, dunque, nel gustarli è del tutto particolare e piacevole.
      Proprio per questa loro particolarità, vengono spesso mangiati come snack o come spezza fame. Ottimi se aggiunti alle zuppe o alle insalate miste. Possono essere utilizzati anche come un semplice contorno, da condire a crudo nel piatto con olio, sale e limone.
      Qualche creativo chef li usa anche come ripieno per le paste fresche (tortellini, ravioli) o li inserisce nella preparazione di risotti e sformati. Nulla vieta adoperarli, visto anche il gusto particolarmente dolce, nella realizzazione di torte e biscotti.
      Sempre più spesso li troviamo nei frullati, nelle bevande estive, nei centrifugati di verdure.

      Dove trovare i germogli di girasole

      I germogli di girasole sono un po' più difficili da reperirsi rispetto agli altri germogli oggi più diffusi in Italia (quali ad esempio i germogli di soia). Se ci si reca presso i grandi ipermercati o nei negozi specializzati in alimenti salutari o ancora nei punti vendita di cibi biologici, sicuramente se ne potrà trovare ampia scelta nei formati desiderati.
      Una volta portati a casa e risposti in frigorifero i germogli di girasole possono conservarsi fino a 10 giorni. Il consiglio è quello di risciacquarli prima dell’utilizzo per rinfrescarli quel tanto che serve e rinvigorirli, per gustarli freschi e croccanti, se mangiati crudi.

      Potrebbero interessarti anche queste varietà