SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI OLTRE € 75

translation missing: it.general.language.dropdown_label

0 Carrello
Aggiunto al Carrello
    Hai prodotti nel carrello
    Hai 1 prodotto nel carrello
      Totale

      Valori nutrizionali dei micro ortaggi di indivia scarola bionda

      I micro ortaggi di indivia scarola bionda sono ricchi di numerose sostanze nutritive, quali:

      • proteine;
      • lipidi (acidi grassi saturi e polinsaturi);

      • carboidrati (amido e zuccheri solubili);

      • sodio;

      • potassio;

      • ferro;

      • calcio;

      • fosforo;

      • vitamine (tiamina, riboflavina, niacina, vitamine a, c, e) ;

      • fitosteroli.

      Dato che il loro apporto energetico è molto basso ed il suo potere saziante è ottimo, viene consigliata in molte diete ipocaloriche. Contiene prevalentemente fruttosio, pochissimi lipidi e le proteine sono a basso valore biologico.

      Trattandosi di un ortaggio a foglia larga, dal colore verde dorato, la sua percentuale di clorofilla non risulta particolarmente elevata. Essendo molto ricca di acqua, questa indivia scarola si rivela utile per incrementare l'apporto idrico all'organismo. Aiuta la peristalsi ed il transito intestinale, prevenendo il fenomeno della stipsi.

      Per il suo elevato contenuto di sali minerali, è raccomandata nell'alimentazione degli sportivi.

      Possiede inoltre proprietà diuretiche e depurative nei confronti delle tossine accumulate dal metabolismo organico e svolge una notevole azione tonica e adattogena, soprattutto se consumata nelle diete dimagranti.

      I micro ortaggi di indivia scarola bionda e la salute

      Per il suo contenuto di fibre alimentari associate ai fitosteroli, alle sostanze fenoliche ed alle vitamine, i micro ortaggi di indivia sono molto impiegati nell'alimentazione di chi è affetto da malattie metaboliche o del ricambio. La presenza degli acidi grassi polinsaturi e del potassio fa sì che siano usati da persone che presentano rischi cardiovascolari, in caso di ipercolesterolemia, di ipertensione, di sindrome metabolica e di diabete mellito (tipo 2).

      L’indivia in cucina

      Il metodo migliore per consumare l'indivia è sicuramente a crudo, sotto forma di insalata, in quanto l'alimento fresco mantiene inalterata la sua concentrazione di vitamine e di sali minerali, sostanze molto utili all'organismo. Può essere aggiunta ad altri ortaggi nella preparazione di deliziose insalate miste.

      Non mancano però anche ricette che utilizzano questo ortaggio cotto: le sue foglie possono essere saltate in padella con olio d'oliva, bollite in acqua salata, oppure utilizzate per avvolgere involtini di carne, polpette e paste ripiene. Molto appetitose anche le lasagne di scarola, costituite da un'alternanza tra foglie e strisce di pasta, le pizze e le focacce salate farcite con le sue foglie saltate.

      Potrebbero interessarti anche queste varietà